Sul British journal of Sports and medicine è recentemente apparso un articolo che trattava il maggior dispendio di energia per i bambini impegnati a giocare con le consolle basate sull’attività fisica, rispetto a quelle che popongono giochi sedentari.E’ infatti un dato reale quello che ha visto i giocatori della Wii consumare circa il 51%in più a confronto di quelli della Xbox, con una spesa calorica quasi pari a 250 kj: tale risultato sarebbe dovuto agli effetti “collaterali” che il gioco “fisico” comporta, quali ad esempio, l’aumento della temperatura corporea e della sudorazione, soprattutto nel caso degli uomini.

A smentire questa buona notizia è una ricerca condotta al Baylor College of Medicine di Huston, in Texas, secondo la quale, l’attività fisica fatta mentre si gioca alla wii, non sarebbe maggiore rispetto a quella fatta durante i giochi sedentari.

Si è infatti permesso a 78 bambini di giocare con la Wii, alcuni con giochi dinamici ed altri con videogame statici; registrando la loro attività fisica con un accelerometro ci si è resi conto che la mole di movimento era praticamente la stessa, il che porta ancora una volta a confermare la tesi scondo la quale lo sport, quello vero, è certamente un momento insostituibile della giornata ed i cui risultati non sono ottenibili con metodi alternativi, soprattutto nel caso degli adolescenti.