astrofisica,  kepler,  pianeti simili a terra,  kepler 62 e,  kepler 62 fAcqua liquida , è una delle condizioni favorevoli per la presenza di vita; ha osservato l’astrofisico Justin Crepp, dell’ Università francese di Notre Dame assieme  ai suoi  colleghi.

Kepler la sonda telescopio  inviata  della Nasa, avrebbe scoperto grazie alla  tecnica dei transiti, tramite  alterazioni nella luminosità di una stella quando un pianeta le transita di fronte, due pianeti già ribattezzati :  Kepler 62e &  Kepler 62-7.

Il loro raggio hanno è  rispettivamente pari a 1,61 e 1,41, in base alle simulazioni prodotte da  i ricercatori  si ipotizza che  la loro composizione sarebbe di base solida,  con zone rocciose o ghiacciate.

A nutrirli sarebbe una  stella, simile al Sole, che trasmette loro un  flusso di luce paragonabile a quello che Venere e Marte ricevono dal nostro Sole.

E’ facile supporre che  i due pianeti possano avere un’atmosfera e acqua liquida che scorre in superficie.