Foodini, la stampante del futuro Una start up spagnola, Natural Machines, sta per lanciare sul mercato un dispositivo molto originale: si tratta di Foodini, una stampante 3d che, invece di utilizzare plastica o carta come materiale per la stampa di oggetti, utilizza capsule in acciaio inox (facili da pulire e antiodori), al cui interno sono presenti ingredienti biologici, senza conservanti. L’obiettivo è quello di ottenere tutte le varietà possibili di cibo, dalla pizza alla pasta, dalle torte al cioccolato e persino gli hamburger. L’azienda di Barcellona è riuscita ad ottenere diverse temperature, considerando i diversi tipi di cibo da poter cucinare. Foodini ha l’aspetto di un forno a microonde ed è stata progettata sia per invogliare le persone a preparare cibi salutari, evitando pasti preconfezionati, sia per facilitare le difficili preparazioni dei cibi: il processo di stampa è lento, ma è capace di creare decorazioni e buone mescolanze di cibo, creando vere e proprie ricette. La stampante funziona con il sistema operativo Android, può essere controllata da Pc e tablet (forse in futuro anche dagli smartphone) ed è connessa ad Internet. Ciò consente di collegarsi alla comunità Foodini, una piattaforma per i buongustai dove è possibile condividere le proprie ricette. La prima versione sarà in edizione limitata e disponibile soltanto per gli utilizzatori di cucine professionali. Il prezzo al dettaglio dovrebbe aggirarsi intorno ai 1000 euro.