funghIl profumo dei funghi ci parla d’autunno. I funghi sono tipici del mese di settembre e non dovrebbero mai mancare sulla nostra tavola poiché ci consentono di condurre una dieta sana ed equilibrata.

I funghi sono ricchi di proprietà benefiche. Al 99% sono formati da acqua, contengono molte proteine, vitamine e sali minerali come fosforo, importante per la salute delle ossa, e potassio, che aiuta a regolare il ritmo del cuore. L’apporto calorico dei funghi è alquanto basso (circa 20 calorie ogni 100 grammi), per questo motivo possono essere consumati anche da coloro che seguono un regime alimentare volto alla perdita di peso corporeo. Inoltre, hanno ripercussioni ottime sul nostro organismo perché potenziano in maniera significativa il sistema immunitario.

La scienza che studia i funghi si chiama Micologia e gli scienziati che studiano i funghi si chiamano micologi. Esistono diverse tipologie di funghi. La scienza ne conosce solo il 10% ma si suppone che ne esistano circa 150 mila specie diverse. Esse in parte sono commestibili, in parte velenose. Il più famoso dei funghi velenosi mortali è l’Amanita Muscaria, un fungo dal vistoso cappello rosso e punti bianchi che cresce sotto l’abete favorendogli lo sviluppo. Esiste poi l’Amanita Phalloides, un altro fungo velenosissimo, con cappello giallo – verdastro, che provoca morte e danni irreversibili al fegato. Altri funghi mortali: Amanita virosa, Amanita verna, Amanita pantherina, Cortinarius orellanus, Boletus satanas e Boledus luridus.

Tra i funghi commestibili, invece, primo fra tutti il Porcino. Ha il gambo senza anello, giallo marroncino, cappello marrone rossiccio, al di sotto del quale ci sono dei fori che favoriscono la fuoriuscita delle score. Poi vi sono i chiodini, champignon, cardoncelli, ovoli. Vengono raccolti tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno. Tutte queste tipologie garantiscono un’armonia di profumi e sapori e la possibilità di preparare numerosi piatti prelibati.