Il riciclo nella nostra epoca sta diventando fondamentale in termini di salvaguardia della salute dell’uomo e del pianeta.

Diviene così facile ingegnarsi per creare rimedi naturali. Tutto ciò che abbiamo sempre gettato nel cestino, possiamo ora riutilizzarlo, delle comuni bucce d’arancia ad esempio  possono  grazie un’innovativa tecnica di recupero, essere riutilizzate per produrre bio-solventi  che purifichino l’aria.

Il nome del progetto è Orange Peel Exploitation Company, le bucce d’arancia sarebbero sottoposte ad un trattamento di micro onde ad  alta intensità e basse temperature. Tale processo attiva la cellulosa che avvia il rilascio di alcune sostanze chimiche. Ne deriva così  un liquido adatto a sostituire progressivamente le componenti chimiche di sintesi dei cosmetici, e in grado di essere impiegato anche per la produzione di bio-carburanti.

Tal soluzione, potrebbe trasformarsi una vera e propria rivoluzione, coinvolgendo oltre alle arance numerosi altri scarti di alimenti comunemente consumati giornalmente. Fa molto riflettere il dato che conferma che  il 50% delle arance prodotte siano poi scartate perché superano la domanda.