Negli ultimi cinquant’ anni la rapida crescita economica dei paesi industrializzati, e la corsa all’accumulo di ricchezza e di benessere, sta sottoponendo il nostro pianeta ad una pressione insostenibile. Mantenere i nostri stili di vita causa una sempre maggiore domanda delle risorse necessarie per alimentazione, energia, trasporti, prodotti elettronici, spazi in cui vivere e in cui smaltire rifiuti, soprattutto il biossido di carbonio derivante dai combustibili fossili.  Il problema è accentuato dalla necessità di soddisfare le crescenti richieste di una popolazione umana mondiale in continua crescita. È evidente che, se è impensabile esportare il modello economico occidentale alle popolazioni in via di sviluppo, altrettanto inverosimile è che le nazioni ricche mantengano lo stesso stile e tenore di vita. In una tale situazione risulta necessaria un’inversione di tendenza per salvare il nostro pianeta, evitando gli sprechi e promuovendo ancora di più il riciclaggio dei rifiuti.